Ar.Ma Teatro

Il 27 settembre all’Ar.Ma Teatro nei pressi di Piazzale degli Eroi della capitale si è svolta la conferenza stampa che ha aperto la terza stagione. Presentata da Mauro Perugini quest’ultima è versatile e innovativa. Proprio Perugini, con il suo progetto “Serate in libertà”, sarà in cartellone con degli appuntamenti da stabilire, pensati appositamente per il pubblico, sia per riportarlo a teatro, sia per stare insieme e dunque coinvolgerlo al dì là della quarta parete.

Altre iniziative vedranno invece delle mini rassegne dal taglio corto, come “Maschere Meccaniche” della Compagnia Sipario 7. Si intende divulgare dei corti teatrali, appunto, mirati a un target ben preciso (dai 20 ai 30 anni) ma soprattutto si prende spunto da linguaggi lontani dal puro classicismo: cyber punk; steel punk; zombie movie; thriller psicologici, puntando quindi sul futuro prossimo e sulle modifiche bioniche del corpo umano.

Ritornerà per la terza volta consecutiva nello spazio centrale di Roma e alla sua 5° edizione, il DOIT Festival, idea di Angela Telesca e Cecilia Bernabei. L’intenzione, questa volta, è biennalizzare la proposta, sempre in collaborazione con l’Artigogolo. L’obiettivo è dunque riuscire a mettere in scena lo spettacolo vincitore del concorso Nuove Drammaturgie e passare così dal testo scritto alla scena.

Anche ai bambini verrà fatto vivere un mondo magico  attraverso il “Festival di Clown e dintorni…un piccolo coraggioso esperimento!” di Circolando che, dal 2017, conquista più popolarità grazie alla Compagnia Endaxi di Laura Donzella e Paolo Scannavino.

Le rappresentazioni invece prenderanno in considerazione tematiche ampie, per diversificare i messaggi sociali, storici e musicali. I trenta spettacoli saranno spalmati nell’arco dell’anno tra teatro classico, contemporaneo e civile, con attenzione anche alla musica rock.

Come ogni anno i corsi di teatro sono inclusi nel “pacchetto“: teatro; improvvisazione teatrale, tecniche teatrali; teatro e inglese per bambini; laboratorio creativo teatrale rivolto ai più piccoli, e tanti sono gli insegnanti che parteciperanno entusiasti.

Teatron – Accademia Professionisti Spettacolo è invece una novità: il progetto di formazione teatrale a 360° vede la direzione artistica di Pino Insegno, mentre la didattica è affidata a Vito Caporale. Il progetto permanente “Ariel Saga Movie”, dall’idea del giovane regista Francesco Olivieri, vede la sua continua evoluzione nello spazio creativo diretto da Daria Veronese, così come “Puri come bestemmia” contestualizzerà le figure di Rossella Seno, Lino Rufo e Yuhi Rufo, puntando sull’immigrazione, l’eutanasia, violenza sulle donne e altre tematiche che emergono dalle cronache attuali.

Gli artisti pervenuti, allo stesso tempo, hanno tenuto a raccontarci qualcosa di peculiare circa le loro opere: con “Filicunti”, “Reginella” e “Il dono di Hitler. Terezin 1941 – 1945” (ritorna con un allestimento nuovo e delle varianti, rispetto la precedente versione) il teatro di tradizione popolare ci porterà indietro nel tempo grazie a narrazioni e musica dal vivo, puntando anche alla memoria; “Cosacattiva”, al contrario narra delle dipendenze che tutti noi abbiamo da qualcosa; “Buon Compleanno” incentra il suo racconto sugli uomini, e sarà il 1° e ultimo testo che la Miceli Picardi dedica all’universo maschile attraverso un linguaggio sociale capace di incentrarsi su ciò che solitamente gli uomini  non fanno.

Anche la comicità e la leggerezza si uniscono ad argomentazioni più serie: “Le cassiere” nasce infatti da una battuta (“La cassiera di un teatro può scrivere uno spettacolo?“), così Terrabuoni scrive un testo lieve, che farà certamente sorridere, interpretato da Carla Cardarelli ed Elena Capparelli; “Per amor di gloria” riprende il filone della famosa serie televisiva Friends, con stile anni ’90 massimizzati al massimo, dunque respireremo un’atmosfera “vapor movie“.

E ancora “Le notti bianche”, “Io Nazario Sauro” (per approfondire meglio il personaggio di cui poco si conosce), “Keith” e “Sympathy for the devil” (ci faranno navigare sulle note rock dell’epoca presa in considerazione), “Il marinaio”, “Carmen”, e tante altre novità ci faranno immergere in un contesto che punta alla qualità senza alcuna presunzione.

Ringraziamo le figure di Manuela Rossetti e Laura Desideri, Giada Villanova e Simone Boscarino, Francesca Romana Miceli Picardi, Stefano Terrabuoni, Luca Pennacchioni, Massimo Mirani, la Compagnia Sipario 7, Ludovica Ottaviani e Alessandra IzzoMauro Perugini, Francesco Olivieri, Deborah Massaro, Daria VeroneseVito Caporale, e altre per i loro interventi.

Annalisa Civitelli

 

 

 

 

 

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com