Sui gradini del cielo

La voce di chi muore d’amore

Una donna, la sua vita spezzata prematuramente da una mano spietata. Quando il silenzio uccide più delle parole e si muore per mano di un amore malato, vittime dell’indifferenza del mondo, solo il grido di dolore di chi sopravvive restituisce la vita e la voce a chi non c’è più

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, il 28 novembre 2016 al Teatro Palladium di Roma si è tenuto lo spettacolo diretto da Rodolfo Martinelli Carraresi, Sui gradini del cielo, con la partecipazione di Isabel Russinova. Un evento patrocinato da Amnesty International, dall’Accademia di Santa Cecilia e dall’Università degli Studi “Roma Tre” nell’ambito della rassegna artistica e culturale dedicata a Sara Di Pietrantonio, la studentessa ventiduenne arsa viva dal fidanzato il 29 maggio scorso.

dsc_1014Aprono la serata il Magnifico Rettore dell’Ateneo romano Mario Panizza, l’Assessore per le Politiche Culturali e Beni Culturali del Municipio I, Cinzia Guido, e la Direttrice Artistica del PalladiumFrancesca Cantù. Visibilmente emozionati, il loro tributo a Sara, iscritta alla facoltà di Economia, passa attraverso la cultura, la danza e la musica, perché grazie alla sensibilità insita nell’arte e alla catarsi scenica ci si possa immedesimare nell’altro, comprenderlo e salvarci, per costruire un futuro diverso e armonioso, privo di ogni istinto di sopraffazione.

L’apice della serata è il monologo scritto ed interpretato da Isabel Russinova. L’attrice, che conosceva bene Sara e da tempo è attiva in difesa dei diritti delle donne, è accompagnata al flauto traverso da Giulia Pedone. Le due si alternano in una performance toccante, delicata, dolorosa e malinconica che lascia il pubblico attonito e con gli occhi pieni di lacrime.

dsc_1004La Russinova interpreta i pensieri della madre di Sara, presente in sala insieme al marito, in un crescendo di emozioni nel ricordo della figlia, dall’infanzia fino alla sua morte; la Pedone, struggente con il traverso, intona brani di Dvorak, Smetana e Ravel in memoria del percorso di Conservatorio della giovane, rimasto incompiuto. Il testo è potente e dolce allo stesso tempo, espressione di tristezza mista ad infinita commozione. Il ricordo di chi non c’è più diventa presenza nella drammatica ricerca di giustizia, di un perché, di un errore fatale costato la vita al bene più prezioso al mondo.

Conclude l’evento il corpo di ballo Scarpette rosse, di cui Sara faceva parte, diretto dalla coreografa della Russinova, Marilù Felici. Agili e delicate, le danzatrici commosse dedicano alla compagna il loro commiato onorandola attraverso la danza, indossando sul bianco tutù un nastro rosso: rosso come l’amore, ma anche come il sangue versato dalla giovane e da ogni vittima di femminicidio.

dsc_1048

Ogni giorno i media raccontano di donne che hanno subìto lo stesso destino di Sara: giovani, meno giovani, madri di famiglia, abusate per troppo tempo dall’uomo sbagliato. Perché? È una domanda destinata a non avere risposta? Quante altre Sara Di Pietrantonio dovranno morire per mano di un crudele carnefice?

L’indifferenza e il silenzio ci rendono complici del nostro stesso aguzzino. Solo quando l’uomo rifletterà consapevolmente sulla conseguenza delle sue azioni e deciderà di porvi fine per sempre, il nostro orizzonte risplenderà di nuova luce. Sarà quello il momento, allora, in cui capiremo che il sacrificio di Sara e di tutte le donne come lei non sarà stato vano: la loro presenza, concreta e viva, avrà dato un senso e una risposta definitiva al più grande dei disonori del genere umano.

Elena D’Elia

Foto: Sergio Battista

 

i-gradini-del-cielo

 

Teatro Palladium

Sui gradini del cielo

28 novembre

a Sara

di e con Isabel Russinova

regia Rodolfo Martinelli Carraresi

con Giulia Pedone – flauto – Accademia Santa Cecilia

corpo di ballo Scarpette Rosse

musica originale Antonio Nasca

con il Patrocinio di Amnesty International, Università Roma3, Accademia Tiberina

 

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com

Annunci