Yukonstyle

La quinta proposta del NOpS ha visto in scena una produzione BiTquartett / Teatro Studio Uno, tratta dal libro di Sarah Berthiaume: “Yokonstyle”. Dai registi prettamente cinematografici soffre su alcuni punti assolutamente da rivedere

Al NOpS  Nuove Opportunità per la Scena, il 23 giugno, sul palco del Tor Bella Monaca di Roma, uno spettacolo interessante ma dai ritmi lenti. Il regista Gabriele Paupini riprende la vicenda dell’autrice canadese in cui, proprio a causa del freddo intenso, la vita è rallentata e poco accade.

Suddiviso in capitoli vede l’intreccio di quattro personaggi assai particolari: Marianna Arbia impersona la giovane Yuko emigrata dal Giappone in una comunità con una bassa densità di suoi conterranei in Canada, e la mamma di Garin, GoldieMarco Canuto invece veste i panni di Dad, papà ubriaco del protagonista maschile Garin (Lorenzo Terenzi); infine, Benedetta Rustici vestita secondo la moda harajukuun giapponese, assai effervescente, è la bambola autostoppista Kate, ingenua, divertente e rimasta incinta di Jamie (Lorenzo Terenzi), incontrato sul pulman.

Gli attori gestiscono gli spazi in modo fluido: sul palco infatti la dinamicità prende vita ma in alcuni punti della narrazione la flemma è percettibile. Si delineano tutti gli ambienti e i luoghi vissuti (i loro nomi vengono scritti su delle lavagne), mentre, al contrario, i dialoghi soffrono molto.

Sono tuttavia efficaci gli scambi di battute con più interpreti sul palco e dei flussi di parole, che d’improvviso entrano in scena colpendo in modo notevole lo spettatore.

L’insieme pecca inoltre in lunghezza e troppa ridondanza. “Yukonstyle” fatica dunque a decollare e sicuramente il testo necessita di qualche ritocco per alleggerire il senso della rappresentazione stessa. Quello che più stupisce, infatti, è che una compagnia teatrale giovane si sia cimentata con un testo difficile e complesso, forse al di sopra delle sue capacità, non centrando totalmente il suo obiettivo.

Peculiari sono le dinamiche dei sentimenti, in cui l’approccio avviene con lentezza, e lo sfondo sociale. La compagnia BiTquartett dunque porta in scena un progetto stimolante ma che di certo necessita di essere affinato, affinché conferire ampio respiro e maggiore vivacità.

Annalisa Civitelli

 

 

NOpS – Nuove Opportunità per la Scena

X rassegna

Teatro Tor Bella Monaca

23 giugno

Yukonstyle

di Sarah Berthiaume

traduzione e regia Gabriele Paupini

con Marianna ArbiaMarco Canuto, Benedetta Rustici e Lorenzo Terenzi 

auto regia e luci Francesca Zerilli

costumi Benedetta Rustici

produzione BiTquartett / Teatro Studio Uno 

 

 

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com