Audizione

In una rappresentazione dalle atmosfere compresse vengono delineati diversi gradi dell’egoismo. “Audizione” pone degli interrogativi apparentemente scontati ai quali è sempre difficile rispondere

All’interno del Roma Fringe Festival 2017 trovano spazio le tre repliche di “Audizione”, testo scritto da Chiara Arrigoni e diretto da Francesco Toto.

Assolutamente singolare la trama che vede un ragazzo ed una ragazza contendersi un provino e un contratto da centomila euro a patto di essere sieropositivi ed infettare senza distinzioni i partecipanti di un’orgia per super ricchi alla ricerca di un’emozione tanto diversa quanto folle: correre volontariamente il rischio di contrarre il virus.

Nonostante il soggetto sia unico e coraggioso, tutto lo spettacolo si concentra però sulle motivazioni che spingono i due candidati a voler vincere l’audizione.

Ne seguono dunque lunghi dialoghi che insistono sulla disperazione, la solitudine, la delusione e tutto ciò che può portare a prendere decisioni così drastiche per ottenere sempre lo stesso risultato: il denaro.

Tutta la rappresentazione insiste sulle sfumature dell‘egoismo umano, da dove nasce e dove può arrivare, e forse è proprio questo filo conduttore a contenere la forza di uno spettacolo che si riduce ad una grande metafora delle bassezze umane, descritte attraverso situazioni sceniche e battute spesso scontate.

I tre attori in scena (Massimo Leone, Andrea Ferrara e la stessa Arrigoni) recitano decisi e convincenti seppure a volte presi da un eccessivo dramma, tuttavia svolgono un lavoro efficace.

Meno incisiva la regia che deve organizzare la presenza di soli tre attori in un’azione statica e soltanto dialogata.

“Audizione” è un’esibizione non del tutto riuscita che solleva però un interessante interrogativo: “Bisogna essere cattivi con gli altri per sopravvivere?”

Gabriele Amoroso

Foto: Civitas Creativa

 

Roma Fringe Festival 2017 – Villa Mercede

Palco B, 3, 5 settembre ore 19:30,

Palco A, 4 settembre ore 21:00

– – –

Audizone

di Chiara Arrigoni

regia Francesco Toto

 

con Massimo Leone, Andrea Ferrara e Chiara Arrigoni

produzione Le Ore Piccole (Roma)

 

 

 

creative commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com