Karma letale

Un esuberante viaggio tra la vita e la morte

Un attore aspirante suicida, due spiriti guida, un destino in bilico: occasione adatta per guardare la vita da un’altra prospettiva. Sospesi in un limbo di emozioni, ricordi e risate, la storia si sviluppa inaspettatamente. Ironica e divertente coinvolge per la sua creatività

Quante volte abbiamo immaginato cosa ci sarà dopo la morte? Che succede nel fatidico momento del trapasso? E se il nostro spirito rimanesse incagliato tra cielo e terra? Forse saremmo solo un po’ morti…Questo e molto altro ruota nella commedia Karma letale scritta e diretta da Marco Zadra, in scena dal 10 al 22 maggio al Teatro della Cometa di Roma e presentata dall’Associazione Culturale Jonglar.

Marco Zadra, noto al pubblico per la sua attività teatrale e televisiva, propone un travolgente atto unico di novanta minuti proiettandoci in un caleidoscopio di emozioni e di risate. Divertente ed ironico, unisce la creatività della finzione scenica a una dimensione autobiografica, come si evincerà da alcuni dettagli della trama.

La scena si apre su un salotto, dal quale si vede uno skyline cittadino; sul proscenio (per l’occasione il cornicione di un palazzo) due aspiranti suicidi. Marco Zadra (omonimo dell’interprete), attore depresso per una delusione d’amore e Paolo Paolo (Tiko Rossi Vairo), videodipendente che si esprime a suon di jingles grazie alla passione sfrenata per le pubblicità.

Marco Zadra 1

Entrambi vittime dei consigli sbagliati del loro psicologo, dottor Franconi, decidono di farla finita. Paolo cade dal cornicione, Marco assume degli antidepressivi ed entra in uno stato di premorte: in una dimensione limbica, non sa se andare nell’aldilà o restare nell’aldiquà. Nella stanza 22 del Fatebenefratelli, egli inizia una profonda riflessione sul senso della vita umana e sui suoi perenni controsensi, con il suo compagno di stanza, Felice Diconoscerla (Gianluca Mandarini), tra color che son sospesi per un’indigestione di cozze e vittima anche lui dello stesso dottore.

Il primo impatto con lo spettacolo si ha attraverso la scenografia. Il salotto su cui si apre il sipario è una piccola bomboniera bianca e rosa in stile shabby chic, su cui oscillano quattro ombrellini color pastello appesi agli angoli del palco.

Durante la riflessione autobiografica, che accompagna il racconto delle passate esperienze lavorative dell’attore, il pannello sullo sfondo vede proiettate le immagini più disparate per ogni scena. La ricerca delle musiche (per la maggior parte prese dal repertorio jazz) è molto curata; i brani di Michael Camilo, Al Jarreau e Thelonious Monk, sono un adeguato sottofondo.

Marco Zadra riesce ad essere efficace dal punto di vista prettamente comico grazie al tono vivace e brillante, sviluppando l’azione scenica con una buona dose di leggerezza. Ritmi serrati, al fulmicotone e doppi sensi, caratterizzano l’interazione con il pubblico e con i suoi due compagni di viaggio, Tiko Rossi Vairo e Gianluca Mandarini. Ma, pur parlando della vita, della morte e del bilancio esistenziale dell’uomo, non si evidenziano spunti di riflessione o di impatto emotivo.

Tiko Rossi, fenomenale nell’espressività e nella gestione dei tempi scenici, è esuberante nella mimica e nell’interpretazione di ogni singolo jingle; interpreta al contempo una serie di stravaganti anime di defunti personaggi storici, per ognuno dei quali è previsto un rapido cambio d’abito. Mentre Gianluca Mandarini è la spalla perfetta di Zadra, tra candore e scarsa intelligenza ci conquista proprio per la sua ingenuità. A fare da contraltare il savoir faire e l’eleganza dello stesso Zadra, nel condurci su un’altalena di risate incontenibili.

Karma letale è sicuramente una pièce teatrale da vedere. Umorismo, originalità e sentimento s’intrecciano in maniera semplice e briosa allo stesso tempo: occasione adatta per guardare la vita da un altro punto di vista, forse con meno amarezza e un pizzico di curiosità in più verso il destino e le sue sorprese.

Elena D’Elia

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com