Rapunzel – Il musical

Risate, fantasia, magia e vanità nell’eterna lotta tra il bene e il male

 Lorella Cuccarini e uno splendido cast ci regalano uno spettacolo trascinante con musiche irresistibili, coreografie straordinarie e con quel pizzico di magia che fa sentire lo spettatore direttamente coinvolto nello svolgimento degli eventi.

Dal 6 al 24 aprile il sipario del Teatro Brancaccio si alza nuovamente su Madre Gothel e sui personaggi del regno di Edelin. Rapunzel, il musical diretto da Maurizio Colombi, ritorna in scena dopo l’edizione 2015 per conquistare ancora una volta il cuore di grandi e piccini.

Roma, Teatro Bravaccio Dicembre 2014 RAPUNZEL il Musical LORELLA CUCCARINI e' Madrel Gothel con ALESSANDRA FERRARI Rapunzel GIULIO CORSO Phil regia MAURIZIO COLOMBI ©Musacchio & Ianniello

Roma, Teatro Bravaccio Dicembre 2014
RAPUNZEL il Musical
LORELLA CUCCARINI e’ Madrel Gothel
con ALESSANDRA FERRARI Rapunzel
GIULIO CORSO Phil
regia MAURIZIO COLOMBI
©Musacchio & Ianniello

La fiaba dei fratelli Grimm si presenta in una veste diversa tanto dal testo letterario quanto dall’omonimo cartoon, come preannunciato da un menestrello – primo personaggio ad entrare in scena –  durante il prologo: agitando il libro su cui è scritta la storia, il finale cambia.

Roma, Teatro Brancaccio Dicembre 2014: RAUNZEL il Musical, con Lorella Cuccarini, regia Maurizio Colombi. ©Musacchio & Ianniello

Roma, Teatro Brancaccio Dicembre 2014: RAUNZEL il Musical, con Lorella Cuccarini, regia Maurizio Colombi. ©Musacchio & Ianniello

 

 

 

 

 

Parliamo dei protagonisti: Lorella Cuccarini riesce ad essere la più amata dagli italiani, sia in versione strega cattiva sia sensuale ammaliatrice in abito rosso, anche se la vera sorpresa di questo musical è l’intero cast: ragazzi giovanissimi, talentuosi, con un’elevata maturità artistica e professionale, che spaziano dalla parte teatrale a quella coreutico – musicale con disinvoltura e maestria degni di chi ha calcato a lungo le scene. Oltre a lei, un plauso più che meritato va all’impeccabile Alessandra Ferrari, già nel cast dell’opera di Cocciante Notre Dame de Paris, ineccepibile sia vocalmente sia nella recitazione.

Le coreografie di Rita Pivano valorizzano pienamente le doti di ciascun artista a partire da Madre Gothel – una Cuccarini che si dimostra ancora una danzatrice eccellente – fino al giovanissimo Giulio Corso, un Phil che rimbalza quasi come un cartone animato, e che unisce alle sue indubbie qualità vocali una naturale predisposizione per il ballo che lo rende ancora più credibile e completo.

Musica, luci e scenografie sono degni di un lavoro di équipe svolto ad altissimi livelli sia tecnici che creativi, così come gli effetti speciali tra cui la lunga treccia luminosa di Rapunzel e le lanterne scintillanti che si alzano in sala tra lo stupore dei presenti. Il palco è completamente circondato da una cornice luminosa dai colori cangianti realizzata da Alessandro Chiti, stilisticamente a metà tra una vetrata in stile tiffany e una sorta di ragnatela. Anche la sartoria non è da meno, grazie al lavoro di Francesca Grossi, di elevata manifattura e curata sin nel minimo dettaglio.

Roma, Teatro Brancaccio Dicembre 2014: RAUNZEL il Musical, con Lorella Cuccarini, regia Maurizio Colombi. ©Musacchio & Ianniello

Roma, Teatro Brancaccio Dicembre 2014: RAUNZEL il Musical, con Lorella Cuccarini, regia Maurizio Colombi. ©Musacchio & Ianniello

La colonna sonora giova della creatività di Davide Magnabosco, Alex Procacci e Paolo Barillari, abilissimi nello spaziare da ballate romantiche e originali a melodie che strizzano l’occhio al soul e al rap, anche con qualche citazione colta. Divertentissimo poi il medley intonato da Rosa e Spina ( Alessandra Ruina e Martina Gabrielli ), i due fiori compagni di giochi di Rapunzel, un omaggio agli evergreen nostrani che cita, tra i tanti, Papaveri e papere, Rose rosse, La casetta in Canadà e Fiorin fiorello, in onore delle due piantine.

Roma, Teatro Brancaccio Dicembre 2014: RAUNZEL il Musical, con Lorella Cuccarini, regia Maurizio Colombi. ©Musacchio & Ianniello

Roma, Teatro Brancaccio Dicembre 2014: RAUNZEL il Musical, con Lorella Cuccarini, regia Maurizio Colombi. ©Musacchio & Ianniello

La potente sinergia che caratterizza il dietro le quinte del musical ci consente così di assistere ad uno spettacolo che per un momento ci fa tornare bambini e sognare insieme a Rapunzel la libertà e l’arrivo del grande amore, che come in ogni percorso di crescita e di maturazione individuale arriva solo se si ha il coraggio di immaginarlo e di buttarsi metaforicamente giù dalla torre, correndo pur sempre qualche inevitabile rischio, in attesa della tanto agognata felicità.

 

Elena D’Elia

Trama: due sorelle, Gothel ( Lorella Cuccarini ) e Gretel ( Barbara Di Bartolo ), molto diverse tra loro. La prima, debole, malata, invidiosa della seconda divenuta regina, ha sviluppato con il tempo un grande talento nella preparazione di pozioni magiche alla ricerca dell’eterna giovinezza grazie ad un magico fiore – un raperonzolo –  ma tacciata di stregoneria viene bandita per sempre dal regno di Edelin. Un giorno Re Gilbert ( Massimiliano Colonna ) bussa alla sua porta per chiederle aiuto: Gretel è molto malata, e una mancata guarigione vorrebbe dire anche non consegnare un erede al reame.

Solo la pozione a base di raperonzolo potrà salvare Gretel: Gothel, impietosita, accetta di aiutare la sorella, ma in cambio chiede ed ottiene di crescere l’erede al trono una volta venuto al mondo. Una volta nata Rapunzel, Madre Gothel la porta via con sé rinchiudendola in una torre altissima, una suite a cinque stelle con una sola finestra come via d’accesso, fino a quando l’incontro casuale con il giovane Phil cambierà in maniera determinante il destino della giovane, fino all’immancabile lieto fine.

 

 

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com

Annunci