Che fine ha fatto Baby Jane?

Il racconto della finita celebrità

La celebre storia gotica e grottesca delle due sorelle Jane e Blanche Hudson rivive a teatro per mano di Alessandra Silipo e Susanna Lauletta, due giovani attrici e registe. La vicenda delle due star del grande schermo è raccontata attraverso il loro occhio grazie a un registro  grave e inquietante

Dal 28 febbraio al 12 marzo, al Teatro Stanze segrete di Roma torna la versione teatrale del romanzo di Henry Farrell, già portato sul grande schermo da Robert Aldrich nel 1962.

che-fine-ha-fatto-baby-jane_stanze-segrete_or

Il racconto della celebrità ormai finita e della convivenza delle sorelle Hudson, che furono stelle del cinema e, che nel presente sono ridotte ad una nostalgica impazzita ed un’indifesa paralitica, è uno dei numerosi esempi che letteratura e cinema hanno usato per dare nuovi contorni al detto “dalle stelle alle stalle“.

In un contesto cupo e ormai antico prende forma la storia ben nota del folle rapporto tra le due anziane protagoniste, narrato seguendo un percorso a spirale che discende verso il controverso finale.

Il riadattamento più noto del romanzo è l’omonimo e celebrato film del 1962 interpretato da Bette Davis e Joan Crawford, dunque misurarsi con due interpretazioni gigantesche come quelle delle due dive di Hollywood è una missione fallita in partenza. Infatti la Silipo e la Lauletta ce la mettono tutta, ma le loro Blanche e Jane, per quanto interpretate con abilità e disinvoltura, rimangono imprigionate in qualcosa di irrisolto e indefinito, pagando probabilmente il prezzo della loro giovanissima età.

Le ragazze si occupano anche del riadattamento del testo, il quale rimane fedelissimo alla storia già conosciuta, ma purtroppo nelle loro mani perde forza e solidità. Esso è infatti concepito come un’infinità di scene intervallate troppo spesso da azioni lunghissime, completamente mute ed in penombra, facendo così perdere a tutta l’azione compattezza e fluidità.

Sicuramente evocativa è la scenografia (aiutata dallo spazio angusto ed irregolare del teatro) così come azzeccati sono i costumi, nonostante l’abbondanza di specchi ed i colori prevalentemente chiari compromettano la fondamentale claustrofobia del luogo.

Una nota di merito anche alle musiche originali di Angelo Lauletta, concepite con la giusta dose di ipnotico e horror.

In sostanza però Alessandra Silipo e Susanna Lauletta mettono in scena un lavoro curato e degno di rispetto non maltrattando un testo con il quale, probabilmente, dovrebbero tornare a misurarsi tra qualche anno.

Completano il cast Fabrizia Scopinaro, Ilaria Orlando e Michele Prosperi, tutti a proprio agio nei rispettivi ruoli.

Gabriele Amoroso

 

 

Teatro Stanze Segrete

dal 28 febbraio al 12 marzo

Compagnia SilipoLauletta

Che fine ha fatto Baby Jane?

adattamento e regia di Susanna Lauletta e Alessandra Silipo

con Alessandra Silipo, Susanna Lauletta, Fabrizia Scopinaro, Ilaria Orlando e Michele Prosperi

musiche Angelo Lauletta

disegno luci Tommaso Mercogliano

foto Luigi Giordani

 

 

 

creative commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com

Annunci