Idiota

La lotta per la sopravvivenza di un’umanità alla deriva

L’umanità, continuamente nell’occhio del ciclone, vive sotto il peso crescente di una crisi economica e sociale sempre più soffocante. La via d’uscita è giocarsi il tutto per tutto, facendo leva su se stessi, nel disperato tentativo di non essere degli idioti, bensì gli unici padroni del proprio destino

Al Teatro India dal 16 al 19 marzo è di scena Idiota, un’opera del drammaturgo iberico Jordi Casanovas e diretto da Roberto Rustioni, che ne è protagonista con Giulia Trippetta. Prodotto da Fattore K, in collaborazione con “Fabulamundi. Playwriting Europe” e Associazione OlindaProduzione, Idiota è un thriller psicologico sul tema della crisi economica, con sfaccettature che vanno dal noir alla commedia, efficacemente tradotto in italiano da Francesca Clari e Francesco Fava.

Per trovare una soluzione ai suoi debiti, Carlos Varela (Roberto Rustioni), si sottopone a un test psicologico molto ben pagato. Le istruzioni, spiegategli dalla dottoressa (Giulia Trippetta), sono semplici: dovrà dire tutto quello che pensa, in risposta alle domande che lei gli farà. Ogni risposta errata, tuttavia, metterà in pericolo la vita dei suoi familiari. Rischio e tensione aumentano, fino all’inatteso coup de théatre conclusivo che ribalterà gli eventi, rivelando la verità.

Idiota cattura la platea sin dai primi istanti: complice è la scenografia, che richiama il ring del pugilato; la trama, invece, fornisce uno spaccato dell’attuale crisi finanziaria e sociale in maniera totalmente innovativa, mentre il ritmo molto serrato, dove gli aspetti psicologici dei due protagonisti risaltano notevolmente, evidenzia volutamente l’atmosfera surreale.

Nel crescendo emotivo, Roberto Rustioni e Giulia Trippetta mostrano di condurre il gioco delle parti in perfetta sintonia, respirando all’unisono lungo tutta la performance. Le loro dinamiche, inserite in una situazione al limite dello strozzinaggio psicologico, s’intersecano con gli aspetti emotivi individuali, tra spietatezza, nevrosi, eccentricità e amara ironia.

Eccellenti nella loro interpretazione, i due sono supportati da un cast tecnico altrettanto di spicco: le scene e i costumi di Francesco Esposito, i contributi e le ideazioni video di Pablo Solari e Igor Renzetti, e il disegno luci di Gianluca Cappelletti conducono lo spettatore in una dimensione parallela. Da Orwell al Truman Show, passando per i reality, la vita di Carlos Varela è anch’essa sotto gli occhi di telecamere spietate, prima di giungere a un incredibile ed inaspettato epilogo.

L’indubbia originalità di Idiota rende questo spettacolo degno di nota. Le riflessioni che esso suscita sono frutto di un approccio autentico nell’ambito del teatro sperimentale, che offre allo spettatore nuovi punti di vista a problemi sempre più cruciali, spesso senza soluzioni.

Quali pericoli si corrono a essere idioti? Quali sono le conseguenze della nostra incapacità? Un po’ come Forrest Gump, “idiota è chi l’idiota fa“. Un lusso, quello raccontato da Casanovas, che può permettersi solo chi idiota non lo è.

Per un’umanità schiacciata da una crisi economica e sociale sempre più soffocante, la via d’uscita è giocarsi il tutto per tutto, facendo leva solo sulle proprie risorse. Solo grazie ad un pensiero divergente saremo liberi dalla schiavitù di ogni potere occulto, nel disperato tentativo di non sembrare più degli idioti, bensì gli unici padroni del nostro destino.

Elena D’Elia

Foto: Sergio Battista

 

 

Teatro India

dal 16 al 19 marzo

produzione Fattore K

in collaborazione con

Fabulamundi. Playwriting Europe e Associazione OlindaProduzione

presenta

Idiota

di Jordi Casanovas

diretto da Roberto Rustioni

con  Roberto Rustioni Giulia Trippetta

aiuto regia Francesco Piotti

scene e costumi Francesco Esposito

contributi video Pablo Solari

ideazione video Igor Renzetti

disegno luci Gianluca Cappelletti

 

 

 

creative commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com