L’accendino magico

L’accendino magico. Il fascino dei mondi paralleli

Uno spettacolo ben scritto e interpretato, in stile fantasy, che reinventa il genere più consono della commedia degli equivoci. Vari gli assurdi contesti che si intersecano tra loro, creando così una trama esilarante

Avete mai pensato a cosa fareste con un accendino che vi permette di varcare diverse dimensioni? Possiamo farci un’idea grazie alla brillante commedia “L’accendino magico”, in scena al Teatro Sette di Roma dal 18 al 30 aprile.

Lo spettacolo è scritto da Claudio Greg Gregori e Riccardo Graziosi e diretto dallo stesso Greg, per una volta senza Lillo – del famoso duo – ad affiancarlo.

La storia racconta di due coppie di coniugi, le quali, insieme ad un amico organizzano un giro in barca. Ma in casa c’è uno strano accendino che, azionato per sbaglio da Alex (Greg), li porta in un’altra dimensione. L’oggetto viene acceso più volte – volontariamente e non – portando i personaggi in una rosa di possibili mondi vivendo situazioni spesso assurde e paradossali.

I dialoghi e la storia sono ben strutturati: c’è un solido filo narrativo e, nonostante il meccanismo dell’accendino diventi familiare, non si cade mai in un iter scontato o prevedibile. In un turbinio di risate, si susseguono le numerose circostanze e i vari dialetti. Interessante anche la morale che viene trasmessa: bisogna cercare, in qualche modo, di accontentarsi di quello che si ha.

La regia è molto rapida: gestisce sempre più personaggi sulla scena, a parte qualche piccola eccezione; lascia ampio spazio dentro e fuori, con stanze che non vediamo, facendo così immaginare alcuni luoghi. E proprio grazie alla scenografia accurata ed essenziale si fantastica sui molteplici universi paralleli: lo schermo sullo sfondo, appunto, svolge soprattutto una funzione illustrativa.

Grandi prove attoriali per Riccardo Graziosi, Claudio Greg Gregori, Lallo Circosta, Claudia Campagnola, Vania Della Bidia e Roberto Fazioli, i quali, in pochi minuti cambiano ruolo e attitudine, passando con disinvoltura dall’idioma ciociaro ad uno del nord.

Una rappresentazione dunque ben scritta e interpretata, in stile fantasy, che reinventa il genere più consono della commedia degli equivoci.

Assolutamente da non perdere.

Zuleca Rienti

 

 

Teatro Sette

dal 18 al 30 aprile

L’accendino magico

scritto da Claudio Greg Gregori e Riccardo Graziosi

regia Claudio Greg Gregori

con Riccardo Graziosi, Claudio Greg Gregori, Lallo Circosta, Claudia Campagnola, Vania Della Bidia e Roberto Fazioli

scene Andrea Simonetti

musiche originali Claudio Greg Gregori

 

 

creative commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com