Candidu ovvero Morte dell’Ottimismo

Il teatro Euclide di Roma ospita per due serate “Candidu ovvero Morte dell’Ottimismo”, un testo scritto da Vania Castelfranchi con il gruppo Ygramul. Tra figure retoriche, costumi splendidi e dialoghi complicatissimi, lo spettacolo non fa presa e soprattutto è palesemente fuori luogo su un palcoscenico

Voltaire scrisse “Candido” nel 1759 come reazione al catastrofico terremoto di Lisbona di quattro anni prima, ed il breve poemetto divenne un’esaltazione dell’ottimismo, seppur non sfacciata, nascondendosi tra la satira e la parodia dei romanzi di avventura.

Da questa premessa Vania Castelfranchi elabora un testo difficilissimo: il suo “Candidu ovvero Morte dell’Ottimismo” è un lavoro a metà tra il teatro di ricerca e la biomeccanica nel quale si racconta come alla morte di Candidu muoia anche l’ottimismo, e come tre personaggi singolari vadano alla ricerca della tomba dello stesso Candidu per sconfiggere il pessimismo.

Castelfranchi ci fa sapere come tutto questo suo lavoro nasca da un’esperienza in Brasile a contatto con popolazioni indigene che, per genuinità, bontà d’animo ed ottimismo ricordano proprio Candido. Il paragone tuttavia diventa probabilmente azzardato e tutto il contesto teatrale non si assimila bene a questo concetto.

La messinscena è teatralmente molto, troppo allegorica: il problema principale è che lo spettacolo manca completamente di ritmo e per quanto gli attori siano tutti bravissimi, la regia li appiattisce su tempi insopportabilmente lenti, spesso noiosi, peggiorati da un’illuminazione cupa e silenzi infiniti.

È necessario riconoscere un lavoro eccezionale in merito ai costumi e alle scenografie che di fatto rendono lo spettacolo esteticamente bellissimo. Tutto questo però non fa che sottolineare ancor di più l’eccessiva singolarità della drammaturgia che, appunto, si adatta malissimo ad una architettura teatrale convenzionale, che si trasforma in un contenuto complesso annullato dalla forma e che senza dubbio sarebbe molto più idonea messa in scena in altri luoghi: primo fra tutti la strada.

Come già detto, gli interpreti sono tuttavia eccellenti: Valentina Conti, Valentina Greco e Gabriele Tacchi, tutti e tre reduci da una splendida rappresentazione con lo stile della commedia dell’arte del “Cyrano de Bergerac” (diretta da Tacchi stesso), sono pieni di talento ed energia e dimostrano ancora una volta tutta la loro versatilità e bravura anche a fronte di un testo che spesso li mette in difficoltà e che persino, a volte, rischia di limitarne le capacità.

Gli attori riescono comunque ad interpretare una moltitudine di personaggi in maniera impeccabile, incuranti delle numerose necessità tecniche da gestire sul palco e riuscendo dunque a fare un’ottima figura almeno per quanto riguarda la recitazione.

Gabriele Amoroso

 

 

Teatro Euclide

8 e 9 giugno

Candidu ovvero Morte dell’Ottimismo

liberamente ispirato al “Candido” di Voltaire

spettacolo di ricerca EsoTeatro del Gruppo Ygramul

regia Vania Castelfranchi

con Valentina ContiValentina Greco Gabriele Tacchi

drammaturgia Vania Castelfranchi e Gruppo Ygramul 

scene e oggetti Domenico Latronico con assistenza di Mirco Orciatici

costumi Cunegonda La Piccola Costumeria

ridisegnati ed elaborati da Valentina Gualandri e Serena Facchiano

musiche originali create e rimontate da Vania Castelfranchi 

animazioni video Ivo Cotani

disegno Luci Mirco Orciatici

 

 

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com