Contemporary Tango

Contaminazione tra passato e modernità

Una contemporanea rivisitazione del tango, creata per il Balletto di Roma, va in scena nello storico Teatro capitolino Vittoria dal 21 al 26 novembre, per rievocare quella necessità di abbraccio e passione che troppo spesso neghiamo a noi stessi così presi dagli obblighi del lavoro

La sensuale bellezza dei movimenti, a volte sinuosi altre scattosi, lascia accendere la passione che va ad unirsi ad una dolcezza smisurata. Tutto in un abbraccio, quello del Tango, che sa unire e scatenare i più reconditi desideri di ognuno di noi.

Quante aspettative si gettano tra le braccia dell’altro? Quanti sogni si condividono? “Contemporary Tango” si pone appunto come un racconto danzato, come una storia in cui le parole lasciano spazio ai gesti corporei e quindi a quelle sensazioni nascoste ed inconsce che si scatenano con uno sguardo, una carezza o uno sfiorarsi.

Così presi dal produrre e catturati dalla globalizzazione, si corre il pericolo di essere
disattenti a ciò che accade intorno a noi. Si rischia di perdere quella provocante bellezza del movimento altrui. E allora ecco che quell’abbraccio inatteso può far scattare qualcosa, può far risvegliare la memoria dalle esperienze vissute che senza pietà hanno lasciato tutte un segno.

Con il tango infatti si può imparare ad incastrarsi portando rispetto a queste cicatrici; si può imparare a ritrovare la propria individualità di donna o di uomo; infine, si può imparare a lasciarsi andare senza pensare ai dolori vissuti e superando ogni confine.

“Contemporary Tango” si propone così come uno spettacolo che punta a far scivolare chi guarda in una dimensione altra dove flessibilità, velocità, intensità trascinano in un vortice di storie suggerite in cui è facile riconoscersi o perdersi. La partecipazione dei due tangueri Marco Evola e Laura Mommi poi regala l’idea di come il ballo sia senza età, senza preconcetti, senza forzature.

Il grande specchio, posto al centro del palco, che rispecchia i corpi tesi da un’altra prospettiva, invece, ricorda come tutto abbia più punti di vista e che forse è sbagliato sceglierne sempre uno solo.

La musica, avvolgente e attraente, ben si plasma ai passi dei danzatori che riescono di conseguenza ad esaltarla. Ogni suono è un gesto, ogni mano che si tocca un accento. È un continuo rincorrersi tra destabilizzante tensione erotica e rassicurante certezza di coppia. È un meraviglioso vortice di danza che sa inglobare e toccare corde forse addormentate.

Chiara Famooss Paolini

 

Teatro Vittoria

dal 21 al 26 novembre

Luciano Carratoni presenta

Contemporary tango

coreografia e regia Milena Zullo

con la partecipazione dei tangueri Marco Evola e Laura Mommi

direzione artistica Roberto Casarotto

musiche Astor Piazzolla e aa.vv.

produzione Balletto di Roma

 

Licenza Creative Commons

 

Quest’ opera di

https://brainstormingculturale.wordpress.com/
è concesso in licenza sotto la
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported

Based on a work at brainstormingculturale.wordpress.com